Home » News

News

Pietramontecorvino, proroga dei termini per le iscrizioni ITS Turismo

Pietramontecorvino, proroga dei termini per le iscrizioni ITS Turismo - Aree Interne 2020

Pietramontecorvino, 21 ottobre 2019 _ La Fondazione Istituto Tecnico Superiore per l’industria dell’Ospitalità e del Turismo Allargato, proroga i termini delle iscrizioni alla selezione per l’ammissione al percorso biennale presso la sede operativa di Pietramontecorvino .La Fondazione “Istituto Tecnico Superiore Regionale della Puglia per lo Sviluppo dell’Industria dell’Ospitalità e del Turismo Allargato” con sede operativa a Lecce  e sede per il corso “management e marketing digitale e reale per lo sviluppo di una destinazione” a Pietramontecorvino, seleziona 25 partecipanti già in possesso di un Diploma di Scuola Secondaria Superiore o Laurea, per l’accesso a un percorso di studi biennale di livello terziario finalizzato al conseguimento del Diploma Statale di Tecnico Superiore, V livello EQF (European Qualification Framework). I frequentanti potranno acquisire competenze tecnologiche, specialistiche e professionalizzanti nel settore turistico, che costituiranno un bagaglio culturale e pratico da poter impiegare con successo su tutto il territorio regionale, nazionale ed europeo (grazie alla certificazione delle competenze in esito secondo il modello EUROPASS). Le attività della Fondazione afferiscono all’Area n. 5 Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo. La figura nazionale di riferimento del percorso di Istruzione Tecnica Superiore è quella dI “Tecnico superiore per la promozione e il marketing delle filiere turistiche e delle attività culturali.

Sindaci dei Monti Dauni in ritiro a San Marco la Catola

Sindaci dei Monti Dauni in ritiro a San Marco la Catola - Aree Interne 2020

Monti Dauni, 21 ottobre 2019 _ Un Forum dei sindaci per verificare lo stato di salute dei Monti Dauni e individuare un progetto ambizioso per contrastare lo spopolamento, ma soprattutto per consolidare il rapporto tra i 29 sindaci dell’Area Interna Monti Dauni. Lo ha stabilito l’Assemblea dei sindaci che si è riunita a Bovino e che ha deciso di organizzare una due giorni con tutti i primi cittadini dei Monti Dauni a San Marco la Catola presso il Convento dei Frati Minori Cappuccini, i prossimi 15 e 16 novembre. Una sorta di ritiro nella quiete dell’Appennino per discutere, confrontarsi e proporre idee che saranno poi presentate ai giornalisti nel corso di una conferenza stampa a conclusione del Forum.  

   

Durante l’incontro presieduto dal coordinatore SNAI Monti Dauni, Michele Dedda, si è provveduto a rivedere l’assetto della Cabina di Regia con l’ingresso di Nicola Lasalvia, attuale sindaco di Sant’Agata di Puglia, al posto del suo predecessore, Luigi Russo, e la proposta di candidare il sindaco di Accadia, Pasquale Murgante, in sostituzione del sindaco di Panni, Pasquale Ciruolo, assente da diverso tempo alle riunioni.  

L’Assemblea ha poi discusso della sempre più concreta possibilità di presentare altri progetti nel Cis Capitanata. I sindaci, all’unisono, hanno proposto di puntare su pochi ma efficaci investimenti produttivi sui Monti Dauni, in grado di creare subito occupazione. “Rinegoziare il Cis senza ripetere errori del passato – hanno rimarcato i sindaci presenti -, dobbiamo puntare su idee forti, magari affidandoci ad esperti per la progettazione. Serve un investimento da 1000 posti di lavoro e l’istituzione delle ZER (Zone Economiche Rurali)”.  

   

L’Assemblea si è chiusa con la richiesta di un incontro con Invitalia, e con la prossima riunione del partenariato socio-economico, fissata a Deliceto il prossimo 22 novembre.

Assemblea dei sindaci a Troia: "Uniti per creare il Sistema Monti Dauni"

Assemblea dei sindaci a Troia: "Uniti per creare il Sistema Monti Dauni" - Aree Interne 2020

Troia, 18 settembre 2019 _ I sindaci dei Monti Dauni sono tornati a riunirsi presso l’aula consiliare del Comune di Troia per fare il punto sulla Strategia Nazionale Aree Interne, l’unica a livello nazionale ad ottenere una dotazione finanziaria pari ad oltre 63 milioni di euro. Il coordinatore di SNAI Monti Dauni, Michele Dedda, dopo aver riassunto le attività svolte dalla Cabina di regia in questi sette anni, ha invitato i sindaci presenti a restare uniti in un momento importante per il futuro dell’appennino. “I 29 sindaci nella fase preparatoria  - ha spiegato Dedda - sono stati tutti bravi a fare sistema, contribuendo  a far diventare la nostra area, modello nazionale. Al bando il campanilismo e gli screzi, andiamo avanti compatti perché c’è ancora molto da lavorare. Se qualcuno non accetta di proseguire questo cammino, lo dica pure. E’ libero di andarsene per la propria strada. Rispetto alla scorsa programmazione siamo a buon punto, basti pensare ai primi 15 milioni stanziati per la messa in sicurezza  di alcune arterie, e i cui lavori sono iniziati da qualche giorno. Ora – ha concluso Dedda – dobbiamo concentrarci sui nuovi investimenti. Aspettiamo idee e proposte dai comuni, anche perché questa volta dobbiamo essere noi a scegliere la destinazione dei fondi e non la Regione”.  Tutti d’accordo con Dedda. “E’ l’unica strada da percorrere per creare il sistema Monti Dauni”. Durante la riunione si è parlato anche delle nuove proposte da presentare nell’ambito del  Contratto istituzionale di sviluppo per la Capitanata, e anche in questa occasione i sindaci presenti hanno ribadito la necessità di proporre progetti a gruppi o per aree tematiche. Inoltre  i sindaci hanno chiesto al da da percorrere hanno affermato in coro i sindaci, ma niente fughe in avanti. Occorre proseguire tutti insieme e con una connotazione ben precisa, quella del scoordinatore dell’Area Interna, di fissare un incontro con il commissario ASI di Foggia per partecipare al bando relativo all’assegnazione delle aree residue. All’assemblea di Troia erano presenti i sindaci dei comuni di Alberona, Deliceto, Carlantino, Castelnuovo della Daunia, Casalvecchio di Puglia, Rocchetta S. Antonio, Pietramontecorvino, Bovino, Troia, Volturino, Anzano di Puglia, Biccari, Celle di San Vito, Faeto, Roseto Valfortore e Orsara di Puglia.

MONTI DAUNI, I PRIMI 15 MILIONI DI SNAI PER LE STRADE

MONTI DAUNI, I PRIMI 15 MILIONI DI SNAI PER LE STRADE - Aree Interne 2020

Bovino, 05 settembre 2019 _ Addio strade groviera sui Monti Dauni. Grazie ai fondi della Strategia Nazionale Aree Interne, l’amministrazione provinciale di Foggia sta continuando ad aprire cantieri e mettere in sicurezza alcune tra le più importanti arterie che collegano i 29 comuni dell’appennino con il resto della provincia. I primi 15 milioni di euro sono stati già stanziati, altri 30, provenienti dal Patto per la Puglia andranno a finanziare il ripristino di altre strade, da troppo tempo abbandonate al degrado più assoluto. Interventi che potrebbero finalmente risolvere uno dei problemi più antichi dei Monti Dauni. Dopo il completamento della provinciale Foggia-Troia, la ditta appaltatrice ha aperto il cantiere sulla sp 121, la Bovino-Panni, e nei prossimi giorni inizieranno gli interventi di riqualificazione anche sulla Bovino-Accadia e Bovino-Deliceto. “Finalmente il progetto SNAI Monti Dauni inizia a dare i primi frutti con l’inizio dei tanto attesi fondi per ripristinare la viabilità nelle nostre aree interne”. Lo afferma il coordinatore della Strategia Aree Interne Monti Dauni, Michele Dedda, che annuncia l’avvio dei lavori anche su altre diverse strade. “Con il presidente della Provincia, Nicola Gatta, e con i sindaci dei comuni interessati, abbiamo dettato le priorità e contiamo di rimettere a nuovo buona parte della viabilità entro l’inizio del prossimo anno. Questo territorio aveva bisogno di una programmazione seria in grado dimigliorare la qualità della vita dei cittadini dei 29 comuni del nostro appennino. Ora mi auguro che anche la Regionale 1, la famigerata pedesubappenninica, possa essere al più presto completata. I Monti Dauni – ha dichiarato il coordinatore della SNAI, Michele Dedda – non possono perdere questa grande opportunità. Per noi il completamento della Regionale 1 è l’ultima speranza che ci resta per tentare di fare crescere l’economia. Confidiamo nell’impegno preso dalle istituzioni e ci auguriamo che i tempi non siano lunghi”.

AREA INTERNA: il Margine si fa Centro con la Scuola dei Monti Dauni

AREA INTERNA: il Margine si fa Centro con la Scuola dei Monti Dauni - Aree Interne 2020

Bovino, 13 aprile 2019_Con l’avvio del processo di sottoscrizione dell’APQ (Accordo di Programma Quadro) fra i Ministeri competenti, la Regione Puglia e il Comune di Bovino - capofila, sono entrate nel vivo le attività della Strategia di Area Interna Monti Dauni.

Sabato 13 aprile, presso la Sala Consiliare del comune di Bovino si è svolto il primo incontro di presentazione di uno dei cardini della strategia, ovvero il programma di interventi ed azioni per la scuola dei Monti Dauni. “La scuola, infatti – si leggeva nel documento La Buona Scuola per le Aree Interne - rappresenta uno dei servizi di base da cui dipende la scelta di restare a vivere o di trasferirsi nelle aree interne del paese”. È per questo che la Strategia ha inteso in primo luogo puntare al rafforzamento del sistema scolastico dei Monti Dauni con l’istituzione di un Istituto Onnicomprensivo a Bovino. Si tratta di una struttura scolastica “verticale”, che sotto un’unica dirigenza, coordinerà tanto l’Istituto Comprensivo quanto alcune sedi staccate e/o coordinate di scuole secondarie di secondo grado già attive nel territorio, (l’IPSIA e il Liceo Scientifico di Bovino, il Liceo Scientifico di Accadia, l’IPSIA di Deliceto; l’ITE di Troia). L’offerta formativa di secondo grado sarà completata con l’istituzione dell’ Istituto Tecnico Agrario di Troia e dell’Istituto Tecnico con specializzazione sul Turismo di Pietramontecorvino. Una vera e propria rivoluzione, perché per la prima volta i comuni dei Monti Dauni avranno una istituzione scolastica superiore autonoma a cui afferiranno sezioni staccate/coordinate finora dipendenti da istituti ubicati fuori dall’area. Un’unica scuola, dunque, che potrà programmare una offerta formativa finalmente esclusivamente “curvata” sulle esigenze e sui bisogni formativi del nostro territorio.

All’incontro di sabato, rivolto al mondo scolastico, alle famiglie e a tutta la comunità locale, hanno partecipato oltre ai rappresentanti della governance di Area Interna: Vincenzo Nunno, Sindaco di Bovino e Michele Dedda, Delegato Area Interna Monti Dauni, i massimi referenti del mondo scolastico regionale: la dott. Maria Aida Tatiana Episcopo, Dirigente dell’Ufficio di Ambito provinciale di Foggia, il dott. Antonio d’Itollo, Dirigente Tecnico e referente di tutte le aree interne della regione Puglia, che ha illustrato nel dettaglio il complesso degli interventi per la scuola inseriti nella Strategia e, soprattutto, la dott.ssa Anna Cammalleri, Direttore Generale USR per la Puglia la quale, nelle sue conclusioni, ha avuto parole di grande entusiasmo e di convinto elogio per la “visione strategica” dei Monti Dauni, i quali hanno messo al centro del proprio percorso di sviluppo il capitale sociale, le giovani generazioni che rappresentano il futuro dell’Area.

Del resto, la Scuola dei Monti Dauni non introduce solo l’autonomia amministrativa di una scuola superiore, ma soprattutto fa leva su un’offerta formativa di qualità e rispondente ai bisogni dell’area, elaborata e condivisa attraverso numerosi incontri svolti dai Sindaci con gli studenti e i docenti, nonché tavoli di approfondimento con i Dirigenti degli Istituti Scolastici dell’area e con l’U.S.R. per la Puglia, il cui contributo è stato fondamentale in termini di proposte e di idee, ed a cui hanno partecipato con il loro supporto tecnico i componenti dell’Agenzia di Coesione.

La Visione della “Scuola dei Monti Dauni” prevede in primo luogo azioni formative rivolte a docenti ed alunni del I e del II ciclo di istruzione con l’obiettivo di promuoverne la crescita personale e professionale. A ciò si aggiunga che saranno rinnovati gli spazi educativi attraverso arredi scolastici innovativi, laboratori multimediali fissi e mobili, una bibliomediateca. Ma, è bene rimarcarlo, tutto ciò sarà funzionale alla offerta formativa finalizzata a consolidare ed elevare le conoscenze e le competenze degli alunni attraverso un corposo investimento in formazione dei docenti ed innovazione didattica: coding, pensiero computazionale, robotica, certificazioni di informatica e di lingue straniere, ma anche approfondimenti su storia e tradizioni del territorio, partenariati nazionali ed internazionali, sono le leve attraverso cui si punta a dare alla scuola de Monti Dauni una sua precisa cifra qualitativa ed una forte connotazione identitaria non disgiunto da un respiro europeo. Gli interventi formativi e gli interventi relativi ad arredi e laboratori innovativi saranno realizzati in tutti gli Istituti comprensivi e d’istruzione secondaria di secondo grado del territorio.

Al fine di ridurre il turn-over dei docenti, da sempre un serio problema dell’offerta scolastica dell’area, sarà supportata la residenzialità attraverso convenzioni che consentiranno ai docenti di fruire di un contributo sui costi di abbonamenti alla rete di trasporto locale, sui canoni di locazione, nonché di ticket ristorazione.

E’ previsto infine un intervento per favorire la mobilità degli studenti che attraverso un servizio "navetta", potranno più facilmente scegliere il percorso formativo più adatto alle proprie esigenze, riducendo in tal modo il pendolarismo interno all’area.

La Strategia intende garantire competenze e qualificazioni di alto livello, in coerenza con le esigenze del tessuto imprenditoriale del territorio in particolare dei settori agroalimentare e turistico. A tal fine sono stati istituiti due percorsi di specializzazione post diploma dell’ITS Agroalimentare di Locorotondo (a Troia) e dell’ITS per l’Industria dell’Ospitalità di Lecce (a Pietramontecorvino), finalizzati a formare professionisti specializzati nelle aree tecnologiche strategiche, assecondando la vocazione territoriale, e offrire agli allievi reali opportunità di lavoro, grazie al coinvolgimento di aziende locali nei percorsi di alternanza scuola/lavoro.

 

L’intera Strategia Area Interna Monti Dauni è consultabile nella sezione Documenti del sito http://www.montidauni2020.it/

 

 

Michele Dedda

Delegato Area Interna Monti Dauni